domenica 31 gennaio 2016

Il fenomeno di Wattpad & Case editrici furbe

Hello My Little Readers! 
Oggi volevo trattare un argomento un po' spinoso riguardante le pubblicazioni che ci stanno proponendo le case editrici e che provengono da Wattpad.


Premessa:  Ci sono storie su Wattpad valide e con un vero e proprio lavoro dietro, pertanto se sei un autore del social network, non sentirti offeso. Peace and Love 


Fino a pochi mesi fa nessuno sapeva nemmeno dell'esistenza di Wattpad e ora sembra che sia un covo di scrittori con i fiocchi, a guardare le pubblicazioni delle case editrici italiane.
Ma che cos'è Wattpad? E' un sito in cui gli utenti hanno la possibilità di pubblicare a capitoli i propri lavori per ricevere commenti e voti da altri utenti. Praticamente Efp con una grafica migliore.

Dovete sapere che ho speso e spendo diverso tempo su questa piattaforma e che ho addirittura l'app sul cellulare. Che sia per leggere traduzioni amatoriali di romanzi che in Italia sembrano non arrivare mai *coff *coff heir of fire *coff *coff o che sia semplicemente per cercare letture frivole che più frivole non si può (il mio masochismo non è una novità), non è importante. Rimane comunque quello che piace a noi: Una fonte infinita di materiale trash.
Eh sì, perché tra le storie ci sono dei veri e propri orrori, il che è dovuto dall'età degli scrittori, che diventano popolari grazie a dei lettori ancora più immaturi sotto il punto di vista letterale.
Non importa se non coniughi i verbi correttamente, se inserisci le virgole solo quando ci sono degli elenchi o se scrivi i dialoghi come se fosse un copione, sei su Wattpad, e puoi diventare scrittore lo stesso.
Prendiamo come esempio After. Tutti ormai lo conosciamo e lo abbiamo visto nelle vetrine delle
librerie, nei cartelloni pubblicitari o persino in spot televisivi.
Il romanzo, scritto dalla ventiseienne Anna Todd nel 2013, è stato portato l'anno scorso in Italia dalla Sperling & Kupfer in seguito al successo che ha avuto sull'omonima piattaforma. Parliamo infatti  di 367 milioni di visualizzazioni! Il mio parere che il romanzo sia pessimo può essere condivisibile oppure no, non mi voglio soffermare più di tanto su questo, quanto sui tremi che tratta. All'interno ci sono contenuti sessuali espliciti, temi seri (stupro, violenza domestica, alcolismo...) buttati con superficialità e altre volgarità. Se vogliamo questi possono essere il filo conduttore di un po' tutte le fanfictions presenti. Rimarreste senza parole se vi dicessi quante volte ho letto di violenze sessuali come se fossero un gioco.


Alla fine, After ha avuto successo anche in Italia ed è successa la classica onda d'urto editoriale: Altre CE hanno copiato la Sperling & Kupfer alla ricerca di materiale popolare. Quindi arriva la Mondadori con Gray di Xharryslaugh (Lascio a voi la parola per il titolo per niente legato a 50 sfumature) che conta 7,5 milioni di visualizzazioni e la Leggereditore con My Dilemma Is You di Cristina Chiperi, 7.8 milioni di visualizzazioni.
Probabilmente le case editrici non avevano nemmeno aperto il manoscritto che già avevano spedito la
documentazione alle autrici (da loro pompate) per firmare un contratto editoriale, avranno solo guardato ciò che conta davvero: il numero di letture di cui vantano sul social network; infine hanno passato il materiale ad una bravissima editor, e gli hanno affibbiato una copertina. Fine.
Queste pubblicazioni restano questo: un'onda d'urto di qualcosa di più grande. E' successo con Twilight e le decine di romanzi paranormal romance che lo hanno seguito, è successo con hunger games e i distopici successivi e succederà ancora ed ancora. Vedrete che a breve il fenomeno finirà e si passerà ad altro.

Ma è giusto dare tutta questa visibilità a certe storie?
La risposta che mi viene di getto è un grandissimo "NO,", soprattutto se penso a quanti autori validi ci sono che non riescono a farsi notare. Le case editrici non pubblicano queste fanfictions perché ritengono di aver scoperto il Dante Alighieri del ventunesimo secolo, ma solo per vendere. Dobbiamo ricordarci che anche loro adottano strategie di marketing, a volte sono più velate, come la scelta di una determinata copertina o di un titolo, mentre altre sono più palesi.

Le edizioni di after per i classici
Ne ho già parlato, ma volevo collegarle al discorso. C'è stata un po' di indignazioni per la Sperling & Kupfer che ha osato pubblicare Orgoglio e Pregiudizio, Cime Tempestose e Anna Karenina in un'edizione correlata ad After. Per quanto di cattivo gusto sia, è sempre una scelta furba. I suddetti classici vengono citati malissimo ripetutamente dalla Todd e pubblicandoli in un'edizione correlata aumentano lo stimolo nelle giovani lettrici di informarsi meglio a riguardo il che porta a, punto uno, un'ullteriore vendita e, punto due, un'iniziazione al mondo dei classici. Il che non è malvagio.

Che ne pensate di questo fenomeno?
Usate Wattpad? Leggerete o avete letto qualcuno dei libri sopraccitati?

32 commenti:

  1. Condivido in pieno il tuo pensiero: sono convinta che su Wattpad, o qualsiasi altro sito dove ognuno può pubblicare storie, si possano trovare delle vere e proprie perle, però utilizzare queste piattaforme come fonte inesauribile di nuovi libri non mi pare corretto. Ovviamente, se il racconto è buono e scritto in un italiano almeno comprensibile, ben venga, ma spesso un numero alto di visualizzazioni non corrisponde ad un'alta qualità.
    Come azione di marketing, però, sembra vincente, vedendo il successo che ha avuto After! D:

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esatto, speriamo che così le CE "riescano" ad avvicinare più persone giovani alla lettura e aconvincerle a continuare con altri libri, non è una novità che, purtroppo, in Italia si legga poco :(

      Elimina
  2. Condivido appieno il tuo pensiero. Non conosco benissimo Wattpad, ma così mi viene da pensare che EFP è di un livello superiore. Almeno lì ci sono certi limiti. Il mio sdegno per After meglio non commentarlo. Ultimamente ho un odio profondo per la casa editrice che continua a pubblicare solo questa merda, interrompendo serie e non dando possibilità ad autori molto bravi. Ti giuro che mi viene voglia di mandargli per email una serie di insulti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, ti capisco. Ora per fortuna stanno ricominciando con delle pubblicazioni interessanti, se continuavano a pubblicare solo NA di serie Z e cose così non sapevo più dove sbattere la testa, giuro -.-

      Elimina
  3. Finché ci saranno persone disposte a sborsare soldi per leggere certe cose, le case editrici di tutte le nazionalità continuaranno a sguazzare alla ricerca dei titoli più improponibili.
    E' come il classico caso del serpente che si morde la coda... esiste un'unica soluzione, per come la vedo io: evitare di prestare troppa attenzione a certe uscite, ignorarle quando le si vede in libreria, e comprare libri almeno degni di questo nome. La legge del portafogli è l'unica che le CA possano comprendere... ed è anche naturale che sia così, avranno anche loro le loro bollette e tasse da pagare, come tutti.
    Comunque, nel 2015 ho scoperto di aver letto più romanzi in inglese che in italiano... chissà come mai! ;D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Uffi, anche io vorrei leggere di più in inglese, ma mi scoraggio perché ci metto tanto T-T

      Elimina
  4. Avevo letto una cosa simile su FB e ripeto anche qui il mio parere.
    Credo, proprio come te, che questo social sia un posto indubbiamente ricco di buoni lavori e penso che sia fantastico il fatto che venga monitorato dalle varie case editrici perché è giusto che a tutti venga data una possibilità. Purtroppo, il materiale che viene scelto effettivamente dalle stesse, non rientra nelle nostre possibilità (nel senso che dobbiamo arrangiarci, non verranno a vedere quello che leggiamo io e te, perché a loro - giustamente - interessa solo il compenso finale).

    PEr quanto riguarda i classici di 'After', ti dirò la verità: se non ci fosse scritto quell'orribile 'i romanzi di After, i preferiti di blablabla', io li comprerei. Non sono un'amante dei classici, ma queste copertine mi hanno ipnotizzata e mi hanno fatto venire voglia di prenderli tutti in queste edizioni. Insomma, come strategia è riuscita sicuramente, però si sono rovinati piazzandoci il logo di 'After', quindi me ne rimarrò bella bella senza comprarne nemmeno uno.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Però è prprio quel logo che gli permette di venderli eheheh >-< Magari con dell'acido muriatico riesci a mandarlo via ahahahah
      Che poi, se ci pensi, è la seconda volta che succede una cosa così... Mi riferisco ad i classici di Bella ed Edward, che per quanto mi riguarda, sono stati un po' un flop :/

      Elimina
  5. Come hanno già detto ragazze prima di me, finché ci saranno persone che leggono e vanno appresso a queste cose, le case editrici continueranno a pubblicarle per arricchirsi. È un discorso che tocca molti punti, secondo me, perché non si sa verso quale piatto della bilancia penda la colpa. Da un lato ci sono le case editrici che schiacciano validi autori emergenti, ma che allo stesso tempo compiono il lavoro di marketing per sopravvivere. Dall'altro ci sono ragazzi che non sono educati alla lettura e che, cosa più grave, non hanno spirito critico. Dobbiamo educare le case editrici alla lealtà oppure i giovani lettori alla letteratura? È un discorso senza via d'uscita, a mio parere, perché è difficile trovare una soluzione definitiva a tutto ciò.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Condivido il tuo punto di vista, difatti mi ricordo che il mio primo approccio con i new adults è stato tramite "Uno splendido disastro" e che lo avevo trovato "carino" anche se rimasi perplessa perché mi sentivo come se mancasse qualcosa, successivamente lessi un libro della Hoover e mi resi conto che non c'era paragone, e più andavo avanti con la lettura di romanzi di questo genere e più realizzavo quanto quello della McGuire fosse orrendo. Quindi è giusto che tutti facciano i primi "scivoloni" per poi buttarsi su altro e magari ridere al pensiero di quello che si apprezzava un tempo, mantenendo comunque un ricordo piacevole perché è grazie a quella storia che ci si è avvicinati alla lettura.

      Elimina
  6. Purtroppo un libro pessimo che ha del buon marketing dietro vende milioni di copie; un libro bello ma non pubblicizzato non vende nulla. Trovo anche io parecchio discutibile la pubblicazione ad hoc per After di classici come Cime tempestose della Bronte, che ritengo uno dei romanzi più belli mai letti. E mi domando: ma che c'entrano con la novel di Anna Todd? Purtroppo, ripeto, il marketing è questo, e conta non quello che è bello, ma quello che vende -.-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In After viene citato Cime Tempestose perché è l'argomento del corso di letteratura all'univerisità che frequentano sia Tessa che Hardin. Ovviamente parliamo di discussioni in classe che rasentanto il ridicolo e che lo argomentano in maniera superficiale che tanto valeva tagliarlo del tutto dal discorso, ma dopotutto che mi aspettavo? XD

      Elimina
  7. Su Wattpad trovai "The quirky tale of April Hale", una storia nata per gioco per prendere in giro tutte le altre storie presenti sulla piattaforma. Doveva essere solo un capitolo, ma l'autrice fu spinta a continuare e... niente spoiler, ma sono contenta che quella storia sia stata scritta. Adesso è stata pubblicata e prima o poi mi devo decidere a prenderla perché è meravigliosa. In inglese ovviamente, perché ciò che non è trash non ha molto seguito.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che forte! Devo assolutamente dare un'occhiata, grazie per la segnalazione :3

      Elimina
  8. Hai assolutamente ragione! Qualche tempo fa avevo provato a vedere questo After su wattpad visto che ne parlavano tutti e, mamma mia, che orrore. Non riesco a capire perché sia piaciuto a così tanta gente e ancora una volta mi rendo conto in che generazione sono! Stessa cosa per My dilemma is you! Appena entro in classe sento le mie compagne che parlano di questi libri, che li riempiono di complimenti e io vorrei solamente vomitare.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. AHAHAHAHAHAH, non dirlo a me che rischio di beccare l'autrice di my dilemma is you per strada. EVVIVA! -.- Quando si dice che il mondo è piccolo...

      Elimina
  9. Io credo che allo stato delle cose certe case editrici guardino di più (o solo) al guadagno, e non alla qualità di ciò che pubblicano. Certo, piattaforme come WattPad e altre possono essere utili per scovare nuovi talenti, ci mancherebbe, ma da lì al grande salto di vendermeli come se fossero il capolavoro dell'anno, eh no. Io lettore, ho ancora capacità di giudizio, lascia decidere a me se è un capolavoro o meno. E poi mi preme dire che le tremiliardi di visualizzazioni sono solo quelle: visualizzazioni. Non si tramutano nel numero di persone che hanno letto E apprezzato quello che hanno letto. C'è differenza.
    Per quanto riguarda i classici in edizione collegata a After io dico: meglio di niente. Sono un invito alla lettura, e male non potrà fare. Una giovane lettrice che leggendo After si incuriosisce e prova a leggere le grandi come la Austen e la Bronte, tanto di guadagnato. Spero che in futuro, crescendo i gusti si affinino, migliorino, scoprendo che la saga della Todd poi non era chissà cosa :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma secondo me non potrebbe mai uscire un "capolavoro" da Wattpad, o da un sito di fanfictions in generale, perché, essendo tale, viene pubblicata a capitoli ed i lettori pretendono che succeda qualcosa in ogni capitolo o si lamentano perché è un capitolo moscio. Non tutti infatti capiscono che è normale e che non è umanamente possibile mettere un colpo di scena in ogni paragrafo, senza contare che ogni romanzo ha bisogno di alcuni capitoli di transizione, per così dire. Il tutto porta ad un ritmo narrativo frenetico, carenza di descrizioni e una sfilza di fatti che si svolgono in poche righe, il che non è il massimo...

      Elimina
  10. Ho scoperto Wattpad anni fa, ma solo di recente sono tornata ad utilizzarlo.
    Ho scovato titoli interessanti, ma spesso scritti velocemente e con diversi errori di ortografia e grammatica. Per quanto riguarda il successo della Todd, non critico né elogio la scrittrice e la sua opera, perché non ho letto - né leggerò - After.
    Non ho per niente apprezzato il cambio di copertine dei classici che, capisco sia una strategia di marketing e che possa spingere i lettori a scoprire tali titoli, ma ti prego NO!
    Per quanto riguarda le case editrici, non trovo molto giusto e sicuro affidarsi al numero di visualizzazioni online per la pubblicazione di un libro, almeno prima qualcuno lo legga e lo corregga se necessario!
    Condivido con te il fatto che tanti autori, magari molto più bravi degli utenti di Wattpad, facciano molta fatica ad emergere a causa delle scelte delle CE, che vanno in base alla popolarità e non più alla bravura e al contenuto. Capisco che tutto ciò porti a maggiori guadagni, ma a noi poveri lettori cosa resterà? Storie banali e scontate o anche qualche capolavoro di letteratura moderna?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Speriamo che le cose cambino, anche se ne dubito, o che almeno ricomincino con le pubblicazioni valide, oltre che con queste. A marzo dovrebbe uscire il quinto ed ultimo (SIIIIIIIII!!!) capitolo della saga di After. Conterò i giorni in trepidazione XD.

      Elimina
  11. Sono completamente d'accordo con te, alle CE interessa solo guadagnare e se continuano a pubblicare questa roba è fondamentalmente perché c'è tantissima gente che la legge ed è questa la cosa che mi innervosisce di più, sapere di gente disposta a pagare per questi libri e addirittura ad osannarli, forse per la maggior parte si tratta di ragazzine che non hanno mai letto altro o che si fanno facilmente trascinare dalle mode del momento, non so...
    Io l'altro giorno sono entrata in libreria e ho trovato un tavolo interamente dedicato alla serie After e quando ho visto anche la pubblicità in tv sono rimasta shockata, mah!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh, io ho fatto un incubo in cui mi trovavo a Londra (waaaa *---*) e l'unica libreria che c'era vendeva solo after AHAHAHAH XD Sul serio, l'ho sognato!

      Elimina
  12. Non conosco benissimo Wattpad ma confesso di aver letto qualche libro da lì arrivato quando se ne parlava ovunque. Volevo farmi un'idea mia e alla fine non è stata una scelta buona, la storia forse in se c'è ma mancano molte cose come la punteggiatura ma anche lo stile. Eppure vanno bene, molto bene e il passaparola è enorme e le case editrici puntano su questo sui guadagni e per quanto devono pensare al loro interesse personale com'è giusto che sia, trovo che sia anche sbagliato verso autori che invece hanno tanto da dire ma non riescono a farsi apprezzare proprio a causa di questo fenomeno che è il web dove tutti sono scrittori di successo.
    Nel mio piccolo anch'io mi sono autopubblicata su Amazon e non mi vergogno a dirlo, non sono una scrittrice di talento però mi piace mettermi in gioco ma sicuramente se improvvisamente diventassi "famosa" penserei che qualcosa non va, perchè obiettivamente non sono così brava. Forse un giorno lo sarò ma ci vuole tempo.
    Detto questo bellissimo post di conversazione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, Susy <3 Non credo ci sia niente da vergognarsi se ci si autopubblica, anzi! Sotto un certo punto di vista ti rende anche più, passami il termine, "brava" perché ti devi occupare da sola della promozione del tuo lavoro :)

      Elimina
  13. Io infatti ho letto tutta la serie di After,e devo dire che forse non è al massimo delle aspettative però è molto meglio di alcune altre opere in versione cartacea che esistono.Con mio grande orrore ho notato che hanno pubblicato Over(che non mi prendo neanche la briga di leggere il seguito)My dilemma is You e Gray(entrambi interrotti rendendomi conto di aver perso il mio tempo inutilmente.Quindi a mio parere After è solo il male minore...Però non capisco questa tendenza di allungare una storia in 5-6 (o anche di piu)così perdendo il filo della storia e rendendolo banale.per carità non ho niente contro le saghe,però ragazze io sono per la qualità non per la quantità...infatti è da un bel po che cerco qualcosa da leggere,ultimamente non mi convince niente(sono senza speranza 😭)

    RispondiElimina
  14. Io infatti ho letto tutta la serie di After,e devo dire che forse non è al massimo delle aspettative però è molto meglio di alcune altre opere in versione cartacea che esistono.Con mio grande orrore ho notato che hanno pubblicato Over(che non mi prendo neanche la briga di leggere il seguito)My dilemma is You e Gray(entrambi interrotti rendendomi conto di aver perso il mio tempo inutilmente.Quindi a mio parere After è solo il male minore...Però non capisco questa tendenza di allungare una storia in 5-6 (o anche di piu)così perdendo il filo della storia e rendendolo banale.per carità non ho niente contro le saghe,però ragazze io sono per la qualità non per la quantità...infatti è da un bel po che cerco qualcosa da leggere,ultimamente non mi convince niente(sono senza speranza 😭)

    RispondiElimina
  15. Il mio commento in fondo alla lista non conterà un gran che ma mi sento di dire quello che penso.
    Ho scoperto wattpad grazie a una mia amica directioner che leggeva fan fiction sugli one direction e altri su wattpad.
    Scrivo delle scemenze su wattpad, non mi prendete per pazza ma le "scemenze" e il "libri di poca qualità" non sono messi lì a caso.Ci sono persone alle quali piace raccontare una storia ma mentre fino a prima ciò non era possibile ora si può condividere la propria storia con altri utenti.
    Ho iniziato a usare wattpad leggendo le fanfiction Newtmas (Ship Newt+Thomas di Maze Runner) e ho deciso di scrivere un simpatico manuale sui personaggi di Maze Runner (libro che amo) ho avuto circa 150 lettori fin ora,poi ho scritto una parodia di attacco dei giganti e poi una storia d'amore. Quest'ultima non mi è venuta un granché per via del poco romanticismo che è in me.
    Ritengo sbagliato che le case editrici pubblichino libri che su wattpad hanno milioni di visualizzazzioni? NO, CERTO CHE NO! SE UNA STORIA È PIACIUTA A COSÌ TANTE PERSONE PERCHÉ NON FARLA CONOSCERE ANCHE A CHI NON HA WATTPAD? PRIMA ANCH'IO LA PENSAVO COME VOI MA MI SONO INFORMATA E IL LIBRO PRIMA DI ESSERE PUBBLICATO PASSA DIVERSE CORREZZIONI!!!!
    Chi "odia" wattpad non capisce che c'è gente che come me, ha bisogno di uno spazio in cui raccontare la sua storia che magari ,nella vita di tutti i giorni ,nessuno si caga.


    P.S.=Wattpad è fantastico anche perché puoi commentare con altri appassionati i libri e si possono trovare tutti i fandom!COMPRESI I MIEI CHE TRANNE SUI SITI NON LI TROVO DA NESSUNA PARTE!


    P.P.S=I DISTOPICI NON SONO UNA MODA MA DEI CAPOLAVORI ��
    TI TROVI DAVANTI A UNA FAN DI DIVERGENT,MAZE RUNNER E HUNGER GAMES, NON UNA CHE HA VISTO SOLO I FILM E SI CREDE UNA FANGIRL , MA UNA CHE SI È LETTA OGNI SINGOLO LIBRO SU QUESTI CAPOLAVORI SIA CARTACEI CHE SU WATTPAD.




    GRAZIE PER AVERMI CONSIDERATO.

    RispondiElimina
  16. Il mio commento in fondo alla lista non conterà un gran che ma mi sento di dire quello che penso.
    Ho scoperto wattpad grazie a una mia amica directioner che leggeva fan fiction sugli one direction e altri su wattpad.
    Scrivo delle scemenze su wattpad, non mi prendete per pazza ma le "scemenze" e il "libri di poca qualità" non sono messi lì a caso.Ci sono persone alle quali piace raccontare una storia ma mentre fino a prima ciò non era possibile ora si può condividere la propria storia con altri utenti.
    Ho iniziato a usare wattpad leggendo le fanfiction Newtmas (Ship Newt+Thomas di Maze Runner) e ho deciso di scrivere un simpatico manuale sui personaggi di Maze Runner (libro che amo) ho avuto circa 150 lettori fin ora,poi ho scritto una parodia di attacco dei giganti e poi una storia d'amore. Quest'ultima non mi è venuta un granché per via del poco romanticismo che è in me.
    Ritengo sbagliato che le case editrici pubblichino libri che su wattpad hanno milioni di visualizzazzioni? NO, CERTO CHE NO! SE UNA STORIA È PIACIUTA A COSÌ TANTE PERSONE PERCHÉ NON FARLA CONOSCERE ANCHE A CHI NON HA WATTPAD? PRIMA ANCH'IO LA PENSAVO COME VOI MA MI SONO INFORMATA E IL LIBRO PRIMA DI ESSERE PUBBLICATO PASSA DIVERSE CORREZZIONI!!!!
    Chi "odia" wattpad non capisce che c'è gente che come me, ha bisogno di uno spazio in cui raccontare la sua storia che magari ,nella vita di tutti i giorni ,nessuno si caga.


    P.S.=Wattpad è fantastico anche perché puoi commentare con altri appassionati i libri e si possono trovare tutti i fandom!COMPRESI I MIEI CHE TRANNE SUI SITI NON LI TROVO DA NESSUNA PARTE!


    P.P.S=I DISTOPICI NON SONO UNA MODA MA DEI CAPOLAVORI ��
    TI TROVI DAVANTI A UNA FAN DI DIVERGENT,MAZE RUNNER E HUNGER GAMES, NON UNA CHE HA VISTO SOLO I FILM E SI CREDE UNA FANGIRL , MA UNA CHE SI È LETTA OGNI SINGOLO LIBRO SU QUESTI CAPOLAVORI SIA CARTACEI CHE SU WATTPAD.




    GRAZIE PER AVERMI CONSIDERATO.

    RispondiElimina
  17. Alle persone non interessa leggere buoni libri ma leggere storie che facciano evadere, sognare,....così come non gli interessa se la droga fa male, basta che possano evadere. Io sono una scrittrice e ho rifiutato di piegarmi ai grandi editori dell'Industria del Libro. Il risultato è che nessuno mi conosce e nessuno mi legge, eppure esisto, ma a che serve? I fan dei libri, i fan dei film, i fan di ogni cosa. Sono loro ormai che vengono "comprati" dal marketing. E loro non sanno nemmeno di essere schiavi delle leggi del marketing. Se soltanto capissero cosa significa davvero Hunger Games! Io sono una ghiandaia che sta cercando di guidare un movimento contro la schiavitù. Ma gli schiavi continuano a farsi manipolare. Continuano e finire dentro le reti dei signori del marketing. Che altro posso dire? La cultura ormai è spacciata. Non esiste più la cultura, esistono solo guadagni e libri che fanno vendere. Non ho più alcuna speranza nè per l'editoria nè per il mondo.

    RispondiElimina
  18. ho wattpad, leggo tantissime storie sull'app per smartphone, e sono d'accordo sul fatto che venga usato malissimo. Non ho mai letto nessuno dei libri della Todd (e non me ne pento); ho trovato questo sito proprio perchè volevo capire quali libri oltre quelli sono diventati cartacei dopo il successo su wattpad.

    RispondiElimina
  19. ho wattpad, leggo tantissime storie sull'app per smartphone, e sono d'accordo sul fatto che venga usato malissimo. Non ho mai letto nessuno dei libri della Todd (e non me ne pento); ho trovato questo sito proprio perchè volevo capire quali libri oltre quelli sono diventati cartacei dopo il successo su wattpad.

    RispondiElimina
  20. Infatti,c'è un libro su wattpad che è davvero bello. Si intitola Benny's Angel,ve lo consiglio

    RispondiElimina

Sono sempre felicissima di leggere i vostri commenti, di sentire la vostra voce. Quindi, grazie mille a tutti quelli che spendono del tempo per scrivermi due righe, significa molto per me. Vi risponderò non appena possibile ❤